Ripresa delle attività didattiche in modalità online

Dal 9 marzo la Fondazione ITS Turismo e Benessere attiverà in maniera progressiva l’erogazione della didattica in modalità online

In seguito al nuovo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri che prolunga la misura di sospensione dell’attività didattica in presenza fino al 15 marzo, la Fondazione ITS Turismo e Benessere riorganizzerà le attività didattiche in modalità online a partire da lunedì 9 marzo, onde favorire il proseguimento dell’anno formativo per gli studenti frequentanti il primo e secondo anno dei corsi ITS. Ogni altra attività formativa che non sarà possibile svolgere a distanza, sarà recuperata in seguito secondo un nuovo calendario.

Resta in ogni caso garantita l’apertura degli uffici amministrativi e di coordinamento didattico, con osservazione delle misure preventive, per ridurre le probabilità di contagio da virus SARS-CoV-2 1 nei luoghi di lavoro e studio, secondo le indicazioni del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità.

In particolar modo si rammentano le misure igienico-sanitarie:
a) lavarsi spesso le mani;
b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute e comunque evitare abbracci, strette di mano e contatti fisici diretti con ogni persona;
c) igiene respiratoria (starnutire o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);
d) mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro;
e) evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, anche durante l’attività sportiva;
f) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
g) coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
h) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
i) pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
l) usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assiste persone malate.

È possibile contattare per ulteriori informazioni il numero verde 1500 del Ministero della Salute e il numero verde 800.033.033 della Regione Emilia-Romagna.